Carlo Serra

Ordine e disordine in musica. seminario condotto dal prof. Carlo Serra

di Carlo Serra
Autore: Carlo Serra
Anno: 3 maggio 2016

E’ certamente sorprendente che il tema dell’ordine e del disordine in musica non abbia mai messo capo a categorie estetiche specifiche, ma sia stato spesso lambito o sfiorato nella riflessione estetica e compositiva, saldamente intrecciato ad altre categorie. Il novecento musicale, e, in particolare, all’interno della riflessione del secondo dopo guerra, si è invece profondamente impegnata in una rivalutazione del concetto di disordine, spesso in direzione antistrutturalistica, o all’interno di una riflessione sulla crisi del concetto di modello, all’interno della costruzione dell’oggetto musicale. John Cage , Morton Feldman, e Wolfgang Rihm sono forse le voci che hanno più nitidamente rivendicato la necessità di un procedere compositivo in cui il caso, o, meglio ancora, la creazione di regole locali che riverberano irrimediabilmente la propria ombra sul profilo dell’opera, indebolendo la struttura attraverso un paradossale lavoro di caratterizzazione. In particolare, la nostra attenzione si volgerà verso un’opera di RIhm particolarmente significativa dal questo punto di vista, Tutuguri, tratto dall’omonimo rituale proposto ad Antonin Artaud in Per farla finita con il giudizio di Dio.